MA CHE FILM LA VITA (1992)

Titolo: Ma che film la vita

Anno: 1992

Casa discografica: CGD

Tipo: Live

Valutazione personale (da 1 a 5): 

 

I Nomadi:

Augusto Daolio - Voce
Beppe Carletti
- Tastiere
Dante Pergreffi
- Basso
Cico Falzone
- Chitarre
Daniele Campani
- Batteria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le canzoni:

- Il paese delle favole (Carletti - Rossi)
- C'Ŕ un re (Carletti - Veroli - Daolio)
- Ma che film la vita (Carletti - Veroli - Daolio)
- Suoni (Carletti - Contini)
- Salvador (Cortesi)
- Ricordati di Chico (Cortesi)
- Primavera di Praga (Guccini)
- Mercanti e servi (Carletti - Veroli - Daolio)
- L'uomo di Monaco (Carletti - Dennis)
- Un giorno insieme (Soffici - Daiano - Albertelli)
- La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) (Guccini)
- Gli aironi neri (Carletti - Veroli - Daolio)
- Gordon (Carletti - Rossi)
- Canzone per un'amica (Guccini - De Ponti - Verona)
- Dio Ŕ morto (Guccini)
- Io vagabondo (Salerno - Dattoli)
- Tedeum (Marc Antoine Charpentier)

 

Recensione (in attesa della completa): Disco dal vivo stupendo! Non ci sono parole per descrivere la bellezza e l'intensitÓ di questo album. Augusto da il meglio di sÚ, a pochi mesi dalla prematura scomparsa, e ancora oggi fa un certo effetto sentire la sua voce ringraziare l'amico Beppe per avergli fatto da "mamma" nel periodo della malattia...

L'emozione che contiene questo disco bellissimo Ŕ impossibile da descrivere, e va solo ascoltata. Canzoni tutte bellissime, tutte eseguite egregiamente e che superano di gran lunga la versione in studio. Pubblico fantastico, gruppo impeccabile, regalano questo album alla storia dei Nomadi e della musica italiana, uscito infatti anche tra "I Miti Musica" di Sorrisi e Canzoni TV.

Il disco Ŕ eseguito dalla splendida formazione Augusto, Beppe, Dante, Cico e Daniele, e viene pubblicato poco dopo la morte del grande Augusto, vendendo 105.000 copie in quindici giorni...

Purtroppo i primi anni novanta regalano ai Nomadi grandi soddisfazioni discografiche (meritatissime) e grandi tragedie... un vero peccato...

"Ma che film la vita" Ŕ un po' il testamento musicale che ci lasciano Augusto e Dante... un grande, bellissimo, spettacolare, emozionante album... GRAZIE AUGUSTO, GRAZIE DANTE...

Nient'altro da dire, solo ascoltare...

 

Vuoi dire la tua su questo album? Scrivimi

Tutti i commenti, anche brevi o recensione complete, verranno inseriti nell'apposita sezione RecensiNomadi